Approvazione del Secondo Programma di azione biennale sulle politiche per la disabilità

Foto dell'ingresso della Fortezza da Basso a Firenze durante la V conferenza nazionaleProsegue l’iter di approvazione della proposta del Secondo Programma di azione biennale sulle politiche per la disabilità che per giungere a compimento richiede il superamento di una serie di passaggi istituzionali. L’ultimo di questi, in ordine di tempo è del 10 luglio 2017, data nella quale il Consiglio dei ministri lo ha approvato in via preliminare.
Il documento era stato predisposto dall’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità e la discussione con le associazioni e i soggetti portatori di interessi aveva avuto luogo a Firenze, il 16 e 17 settembre 2016, nel corso della V Conferenza nazionale sulla disabilità.
Come già avvenuto per il primo Programma di azione il traguardo è la sua approvazione definitiva e l’adozione ufficiale con Decreto del Presidente della Repubblica. Il primo programma era stato stato infatti approvato dal Consiglio dei ministri del 27 settembre 2013 e adottato con DPR 4 ottobre 2013.
Tuttavia il percorso di approvazione per prevede una serie di passaggi istituzionali. L’ultimo di questi, in ordine di tempo è avvenuto il 10 luglio 2017, data nella quale il Consiglio dei ministri ha approvato in esame preliminare il secondo “Programma di azione biennale per la promozione dei diritti e dell’integrazione delle persone con disabilità” su proposta del Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti.
Ora per avere la sua definitiva approvazione il Programma verrà inviato alla Conferenza unificata per acquisire il parere prescritto e solo successivamente sarà adottato con apposito Decreto del Presidente della Repubblica.

Nota sull’Osservatorio
L’Italia con legge n°18 del 3 marzo 2009 ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità ed ha siglato il Protocollo opzionale. Il provvedimento ha anche istituito l’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità che è tra i meccanismi di coordinamento che gli Stati hanno l’obbligo di implementare per promuovere e monitorare l’attuazione della Convenzione.
L’Osservatorio è Presieduto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ed ha funzioni consultive e di supporto tecnico-scientifico per l’elaborazione delle politiche nazionali in materia di disabilità. Al suo interno vi è un Comitato tecnico scientifico con finalità di analisi e indirizzo ed operano 8 Gruppi di lavoro per l’approfondimento di particolari tematiche.

Per approfondimenti sull’Osservatorio e la Convenzione ONU si rimanda alla note  sul blog:

Osservatorio Nazionale Disabilità, si riparte

La Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità: facciamo il punto

La V Conferenza Nazionale per le Politiche della Disabilità a Firenze

Proposta del II Programma di Azione Biennale in materia di disabilità