La consultazione pubblica sul pilastro europeo dei diritti sociali

foto della bandiera dell'Unione Europea

E’ in corso una consultazione pubblica a livello europeo per raccogliere indicazioni e proposte in tema di diritti sociali che si riferisce, in particolare, alla creazione del pilastro europeo dei diritti sociali.
Le consultazioni pubbliche promosse dalla Commissione Europea hanno l’intento di coinvolgere i cittadini europei sulle politiche e le normative europee.
Nello specifico, il documento sul pilastro europeo dei diritti sociali, una volta adottato diventerà il quadro di riferimento per valutare la situazione occupazionale e sociale degli Stati membri e guidare i processi di riforma a livello nazionale.
E’ possibile dare il proprio contributo alla consultazione fino al 31 dicembre 2016 compilando il questionario on line che è disponibile anche in Italiano.
Secondo le intenzioni della Commissione la proposta di “Pilastro europeo dei diritti sociali” dovrebbe contribuire anche alla stesura del “Libro Bianco sul futuro dell’Unione economica e monetaria” atteso per la primavera del 2017.

I destinatari della consultazione sono i cittadini, le organizzazioni e le amministrazioni pubbliche.
In particolare, le istituzioni dell’Unione europea, le autorità e i parlamenti nazionali, le parti sociali, le parti interessate, la società civile, gli esperti del mondo accademico e i cittadini dell’Unione, sono tra i possibili destinatari della consultazione che, seppur rivolta essenzialmente ai Paesi della zona Euro, non esclude gli altri Stati membri.
Questi i principali obiettivi della consultazione:

  • valutare l’attualeacquis” sociale dell’Unione analizzando in che misura i diritti vigenti sono esercitati e valutando eventualmente nuove formulazioni;
  • riflettere sui nuovi sviluppi dell’organizzazione del lavoro e delle società, alla luce dei continui cambiamenti dati dalle nuove tecnologie, le tendenze demografiche ed altri fattori sociali;
  • raccogliere opinioni e osservazioni sul pilastro europeo dei diritti sociali per discuterne il ruolo, il campo di applicazione e il contenuto.

Dal questionario emergono 20 ambiti prioritari di intervento sui quali, tra l’altro, si richiede di esprimere la propria valutazione. Riteniamo utile citarne alcuni a titolo esemplificativo: il Sostegno attivo all’occupazione, la Parità di genere, le Pari opportunità, le Retribuzioni, la Salute e sicurezza sul lavoro, il Dialogo sociale, le Prestazioni e i servizi sociali integrati, le Pensioni, le Prestazioni di disoccupazione, il Reddito minimo, le Prestazioni di invalidità, l’Assistenza a lungo termine, l’Accesso ai servizi essenziali.

Per partecipare alla consultazione ecco il link al questionario in Italiano

Per tutte le informazioni di approfondimento si rimanda al sito di riferimento del Dipartimento delle Politiche Europee

e al sito della Commissione Europea

 

NOTA

Con il termine di “Acquis” comunitario si intende un insieme di principi, valori, diritti e obblighi che i Paesi dell’Unione Europea hanno deciso di condividere.

 

Salva